Sasa. I sindacati presentano proposte per accordo integrativo 

I sindacati dei trasporti altoatesini propongono un accordo integrativo alla SASA SpA per migliorare qualità, condizioni di lavoro e retribuzioni nel settore del trasporto pubblico locale. Per illustrare i contenuti della proposta le Federazioni dei Trasporti di CGIL/AGB, SGBCISL, UIL-SGK e ASGB hanno organizzato una conferenza stampa.

 

Migliorare condizioni di lavoro e retribuzioni:
i Sindacati propongono un accordo integrativo per il personale SASA

 

Le Federazioni Sindacali dei trasporti hanno sottoposto alla direzione aziendale un’ipotesi di accordo integrativo per tutto il personale dell’azienda SASA S.p.A.

I punti salienti sono stati presentati oggi nel corso di una conferenza stampa a Bolzano.

L’obiettivo dei Sindacati è di migliorare le condizioni di lavoro e le retribuzioni a fronte dell’alto costo della vita in Provincia di Bolzano.

I punti cardine dell’ipotesi di accordo sono:

·           il miglioramento dell’ambiente di lavoro in riferimento a nastri lavorativi, agli orari di lavoro e ai tempi di guida;

·           la possibilità di una settimana lavorativa di 5 giorni e una maggiore valorizzazione del profilo professionale “conducente di autobus”;

·           il miglioramento della sicurezza e una maggiore qualità del servizio;

·           nonché retribuzioni più alte per il personale SASA.

L’accordo integrativo riguarderebbe, a livello provinciale, circa 600 lavoratrici e lavoratori: autisti, personale nelle officine e agli sportelli.

Con l’accordo si punta inoltre a contrastare la forte carenza di autisti e a garantire livelli di qualità nel trasporto pubblico locale.