Centri per l’impiego. Cgil/Agb: “Serve più personale”

“L’Alto Adige deve cogliere l’occasione fornita dal governo e rivoluzionare tutto il sistema del collocamento pubblico e dell’orientamento al lavoro”: così la segretaria della Cgil/Agb, Cristina Masera.
Per il sindacato vanno infatti stanziate le risorse per attuare il piano pluriennale del lavoro. Anche in Alto Adige vanno potenziati i Centri per l’impiego con l’immissione di nuovo personale per mettere in campo iniziative a favore delle persone disoccupate o in cerca di un nuovo lavoro e nello stesso tempo offrire servizi alle imprese. “Serve un piano della formazione degli operatori, in particolare servono grandi professionalità soprattutto nel front office, quindi nel rapporto diretto con gli utenti. Lo scambio tra domanda e offerta di lavoro si deve basare su un sistema efficiente di valutazione professionale”, continua Masera.
Secondo la Cgil/Agb, l’attuale fase produttiva richiede investimenti importanti sulle politiche attive, che sono decisive per accompagnare, orientare e supportare i lavoratori nella ricerca di occupazione e nella crescita delle competenze.
L’auspicio del sindacato è di condividere e accompagnare questi progetti con una forte relazione con le parti sociali.