Metalmeccanici: sciopero di due ore venerdì 30 luglio

Venerdì 30 luglio anche i metalmeccanici altoatesini incrociano le braccia per dire no ai licenziamenti. Lo comunicano per la categoria di riferimento Cinzia Turello (Cgil/Agb), Riccardo Conte (SgbCisl) e Giuseppe Pelella (Uil/Sgk).

Lo sciopero di due ore a fine turno è stato proclamato a livello nazionale dopo che alcune aziende e multinazionali, come Gkn, Whirlpool e Gianetti Ruote, hanno avviato le procedure per il licenziamento di centinaia di lavoratori.
Per i sindacalisti, si tratta di decisioni inaccettabili, che colpiscono l’insieme del mondo del lavoro. Lo sciopero è quindi finalizzato a dire no ai licenziamenti e a impedire alle multinazionali e ai fondi di investimento di speculare e distruggere
l’industria e il lavoro. Le categorie chiedono di riformare gli ammortizzatori sociali e di vincolare gli investimenti del Piano nazionale di ripresa e resilienza ad una occupazione stabile e a un lavoro in sicurezza.
Secondo Turello, Conte e Pelella, la situazione locale è relativamente tranquilla, ma oltre ad esprimere solidarietà ai colleghi di Gkn di Campi Bisenzio, di Gianetti Ruote in Brianza e di Timken nel Bresciano, si vuole mantenere alta l’attenzione.
A livello locale c’è preoccupazione per la Gkn Driveline di Brunico e per questo i sindacati hanno chiesto un tavolo all’azienda e ad Assoimprenditori, che purtroppo attualmente non è stato ancora calendarizzato.