No agli attacchi al diritto delle donne a una maternità consapevole

I coordinamenti delle donne Cgil/Agb e Spi/Lgr esprimono preoccupazione riguardo agli attacchi al diritto delle donne a una maternità consapevole e liberamente scelta.
Le decisioni politiche prese da alcuni governatori di regione di depauperare i contenuti della legge 194 sull’interruzione della gravidanza, rendendone difficoltoso o ostacolandone l’accesso, non può che trovare la dura opposizione delle donne che, per una maternità consapevole, hanno a lungo lottato.

Riteniamo una ulteriore provocazione la decisione della regione Piemonte di consentire l’ingresso negli ospedali e nei consultori pubblici alle associazioni antiabortiste.
I coordinamenti esprimono la loro vicinanza e solidarietà con le donne piemontesi che sabato 17 aprile saranno in piazza per opporsi a questa prospettiva.

#17aprile #difendiamola194 #17aprileAltoAdige