Chiusura Centro carni Aspiag di Bolzano

Grande preoccupazione da parte delle organizzazioni sindacali che in un recente incontro con la direzione aziendale hanno avuto la conferma della definitiva chiusura del Centro lavorazione carni Aspiag di Bolzano. Sono 79 i lavoratori coinvolti.

Come spiegano i sindacati, il Centro lavorazione carni del capoluogo verrà a breve smantellato e trasferito all'interno del nuovo polo logistico di Monselice, in provincia di Padova, che garantirà la distribuzione su tutto il territorio nazionale. Un terzo del Centro di Bolzano verrà dismesso e trasferito entro aprile, i restanti due terzi seguiranno entro luglio. Complessivamente, riferiscono le parti sociali, sono 79 i posti di lavoro a rischio: attualmente sono assunti 74 lavoratori e cinque con contratto di somministrazione interinale.
I sindacati chiedono ad Aspiag di garantire un percorso di concreto confronto sindacale per reali future opportunità lavorative a questi lavoratori, che hanno un’elevata anzianità di servizio, attraverso la riqualificazione delle mansioni e in via prioritaria con il ricollocamento nei punti vendita Aspiag di Bolzano e dintorni.
L’imminente chiusura del Centro lavorazione carni è già stata oggetto di un’interrogazione nel Consiglio provinciale. “Auspichiamo un impegno concreto da parte dell'assessore Philipp Achammer per mettere in campo tutti gli strumenti, in particolare quelli di politiche attive del lavoro, utili al raggiungimento di un accordo sindacale complessivo per una soluzione positiva per i lavoratori coinvolti”, concludono in una nota i sindacati.