Firmato il nuovo contratto collettivo nazionale del settore domestico
In Trentino-Alto-Adige 12.464 lavoratori

Il Caaf della Cgil/Agb e la categoria del commercio Filcams/Lhfd comunicano che, dopo 4 anni dalla scadenza, è stato finalmente sottoscritto il nuovo contratto nazionale di lavoro per i circa 860.000 lavoratori regolari impegnati nell’assistenza domiciliare come domestici o assistenti familiari a bambini e anziani. In Trentino Alto Adige sono 12.464, di cui 569 maschi e 11.895 donne.

Il direttore del Caaf della Cgil-Agb, Marco Pirolo, saluta con favore il nuovo contratto che può contribuire a fare emergere il lavoro ‘sommerso’ di badanti e babysitter, e, grazie in particolare alla parte normativa, può essere un buon punto di partenza nel migliorare la retribuzione delle lavoratrici e dei lavoratori. Il contratto prevede, infatti, un riassestamento degli stipendi con livelli che terranno conto delle competenze raggiunte e svolte nell’ambito della famiglia. Come ricorda Pirolo, l’aumento medio delle retribuzioni annue sarà di circa 120 euro, a cui si aggiunge un’indennità mensile, che va dai 100 ai 116 euro, sia per le badanti a tempo pieno che assistono nella famiglia più di una persona non autosufficiente, sia per le babysitter che assistono bambini fino ai 6 anni di età.

La segretaria della Filcams/Lhfd, Antonella Costanzo, specifica a sua volta che tra le tante le novità del contratto spiccano quelle in ambito della formazione, come richiesto dalle organizzazioni sindacali anche in provincia di Bolzano, dove la categoria del commercio della Cgil/Agb ha già organizzato direttamente corsi di qualificazione. Per la prima volta il nuovo contratto prevede la possibilità per i lavoratori a tempo pieno, che hanno maturato almeno sei mesi consecutivi nella stessa famiglia, di usufruire di 40 ore di permessi per la partecipazione a corsi specifici di qualificazione.

Tra le novità della nuova normativa anche quelle relative al contratto individuale di lavoro. È prevista infatti una specifica lettera di assunzione che contempli livello, mansione e modalità di riposo settimanale nel rispetto della fede religiosa; come pure il rispetto del periodo di prova e la concessione di permessi anche riconducibili al rinnovo del permesso di soggiorno e allo svolgimento delle pratiche di ricongiungimento familiare.


Il Caaf della Cgil/Agb è a disposizione delle famiglie per ogni chiarimento e per fornire la necessaria assistenza nella gestione burocratica del rapporto di lavoro. È possibile fissare un appuntamento chiamando il numero 0471/1800335.

La Filcams/Lhfd è a sua volta a disposizione per fornire alle lavoratrici e ai lavoratori del settore tutti i chiarimenti relativi al contratto di lavoro e alle novità sottoscritte nel nuovo contratto previo appuntamento da fissare chiamando lo 0471/926411.